L'Educazione del movimento in età evolutiva è un programma del Bodymind Centering® (BMC®), approccio sviluppato da Bonnie Bainbridge Cohen.

Il Body Mind Centering, metodo basato sui principi dell'anatomia, della fisiologia e della psicologia, ha come fine ultimo la consapevolezza corporea e psichica integrate tra loro in ogni momento ma in costante cambieamento (embodyment). Questo equilibrio tra mente e corpo porta al benessere della persona: "Embodyment è essere automaticamente presenti a se stessi, è chiarezza e consocenza, raggiunte senza sforzo e senza dover concentrare la propria attenzione" ( Bonnie Bainbridge Cohen).

L'Embodiment si raggiunge tramite alcuni strumenti come la visualizzazione, la somatizzazione, la respirazione cellulare, il Tocco consapevole, esplorando in maniera del tutto personale i sistemi corporei, le percezioni e lo sviluppo del movimento in età evolutiva.

L'approfondimento di quest'ultimo aspetto ho portato alla nascita dell'IDME - Educazione del movimento in età eolutiva. 

Il lavoro dell'Educatore IDME si basa sull'osservazione e la facilitazione dello sviluppo del movimento durante il primo anno di vita del bambino.

I neonati non sono più considerati soltanto dei "fogli bianchi" su cui scrivere ciò che si vuole, essi nascono con un patrimonio, ontogenico e filogenetico, che concorre, insieme all'ambiente, al processo dello sviluppo del movimento e quindi allo sviluppo di se stessi nella propria interezza. Saper osservare questi schemi neurologici del movimento significa poter facilitare, dove occorre, lo sviluppo di uno schema più integrato ai precedenti e che fa da ponte ai successivi, per arrivare ad un pieno sviluppo del movimento. 

L'approccio IDME quindi da un lato offre al bambino un sosegno al suo percorso evolutivo e dall'altro evita lo strutturarsi di pattern di movimento che sarebbero da impedimento alla piena espressione del suo potenziale.

Oltre all'approfondito percorso di studi, lo strumento pricipale che un educatore IDME ha è il GIOCO, tramite cui si mette in relazione, incuriosisce, stimola il bebè per facilitare quei processi di apprendimento di cui ha bisogno quel particolare ed unico bambino.

Questa pratica educativa è adatta a tutti i neonati (e ai loro genitori) che vogliono crescere senza sforzi, giocando, divertendosi... facendosi attraversare da una nuova consapevolezza!



Bonnie Bainbridge Cohen lavora come artista del movimento, ricercatrice, educatrice e tarapeuta. Lavora tramite il movimento, il tocco e la relazione mente-corpo. Questo modo di lavorare, che ha chiamato Body Mind Centering®  ha influenzato e continua ad influenzare molte discipline tra le quali lo yoga, la psicoterapia, la danza e l'educazione infantile.

------------------------------------------

Visualizzazione: è un processo attraverso il quale il cervello dà forma ad una immagine delle varie parti del corpo e, così facendo, informa il corpo della sua esistenza.

Somatizzazione: è il processo in cui, attraverso la percezione del movimento, del tocco e della posizione, il corpo è informato della sua stessa esistenza.

Respirazione Cellulare: sottende tutte le forme di respirazione, di movimento, di attività. Con il respiro cellulare si sperimenta la forza della vita stessa.

Tocco: nel lavoro del tocco con le mani entriamo in sintonia con i vari tessuti del corpo. E' una ricerca di comunicazione, è trasmissione e accoglienza di energia che fluisce in noi stessi e tra noi e gli altri.

Riferimento bibliografico

Bonnie Bainbridge Cohen, (2008) Sensazione, Emozione, Azione. Anatomia esperienziale del Body Mind Centering®, Somatica Edizioni.